Il modo più indicato per dare un quadro dei migliori vini italiani è quello di iniziare semplicemente dalla degustazione. L'Italia offre il vino perfetto per ogni occasione, dalla pizza all'arrosto, dal pesce ai dessert. Molti dei migliori vini italiani sono etichettati con il marchio Doc, spesso in combinazione con quello Igp e con la tutela invece dedicata alla varietà di uva.

I differenti tipi di vino rosso realizzati in Italia

Il piemontese Barolo è il senza dubbio il re dei vini rossi italiani. Fatto dal Nebbiolo, i vini di questa piccola denominazione nel nord-ovest d'Italia sono tra i più problematici del mondo. Poi c'è il Brunello di Montalcino che è il uno dei migliori vini a base di Sangiovese. Questo vino rosso toscano prende il nome dal nome locale per il Sangiovese (Brunello) e Montalcino, una piccola cittadina collinare medievale che si affaccia sulla campagna toscana. Si tratta di vini complessi con incredibile potenziale di invecchiamento. Poi c'è l'Amarone. L'Amarone è un vino rosso secco potente e concentrato a base di uve secche della regione Veneto. Ottenuto da uve autoctone italiane, l'Amarone è un vino che abbaglia e impressiona. Infine c'è anche l'Aglianico, considerato il "nobile vitigno del sud", è coltivato soprattutto in Basilicata e Campania. Altri ottimi vini rossi sono il Lambrusco, Montepulciano d'Abruzzo, Gattinara, Rosso di Montalcino, Chianti Classico, Barbera d'Asti ed il Dolcetto d'Alba.

I migliori vini bianchi italiani

Tra i migliori vini bianchi italiani, c'è il Fiano, realizzato con l'uva cresciuta sulla costa sud-ovest d'Italia. Da assaporare anche il Greco di Tufo, cresciuto sulla costa sud-ovest d'Italia. Poi, la Malvasia bianca, una varietà bianca che si trova in tutta Italia con molti cloni e mutazioni. Tra i vini bianchi migliori spunta anche il Moscato Bianco, coltivato soprattutto in Piemonte, è utilizzato principalmente nel leggermente frizzante e semi-dolce Moscato d'Asti. Da non confondere con il Moscato Giallo e Moscato Rosa, due vitigni germanici che vengono coltivati in Trentino Alto-Adige. Spicca anche il Verdicchio: questo è coltivato nelle zone di Castelli di Jesi e Matelica nella regione Marche. Altri bianchi importanti sono Carricante, Coda di Volpe, Cortese, Falanghina, Grechetto, Grillo, Inzolia, Picolit, Traminer, Verduzzo, e Vernaccia.