Musica di elevato prestigio ed eccellenza quella che arriverà a celebrare nelle prossime settimane il ritorno della primavera capitolina: tra i più interessanti concerti di musica classica a Roma segnaliamo quello che si terrà il prossimo sabato 10 marzo alle 21 nella Sala Santa Cecilia dell'Auditorium Parco della Musica.


Promosso da Q8, main sponsor del concerto, si preannuncia come uno degli eventi di maggior attrazione per il pubblico romano e di sicuro il più atteso da esperti ed appassionati del genere.


In programma il Concerto per violino e orchestra N° 1 in sol minore op. 26 di Max Bruch, l'Ouverture "Coriolano" di Beethoven, la Quarta Sinfonia di Brahms. A dirigere questa serata di musica dagli accenti romantici e piena di vigore interpretativo il Maestro Antonio Puccio, che ha già diretto alcune tra le più importanti Orchestre Europee, è stato collaboratore personale del M° Uto Ughi insieme all' Orchestra dei "Filarmonici di Roma" ed ha seguito il lavori del M° Claudio Abbado in diverse tournées mondiali. L'evento vedrà sul palco Vadim Repin, il violinista siberiano considerato dal Maestro Yehudi Menuhin «semplicemente il più perfetto violinista che io abbia mai ascoltato», accompagnato da una delle più prestigiose orchestre del mondo, la Philharmonia Orchestra di Londra, l'orchestra di Furtwängler, Richard Strauss, Toscanini, Cantelli, Karajan e Giulini, e più di recente di Maazel, Muti, Sinopoli, Salonen.


Il "più grande violinista vivente" - per il Berlin Tagesspiegel - suonerà il concerto di Bruch del 1868, un'opera di indubbia perfezione stilistica, che mette insieme l'equilibrio formale della composizione con una delicata cantabilità melodica. Tutta l'opera rivela la passione di Max Bruch per il violino; di questo strumento il compositore — seppur non violinista — diceva infatti: «può cantare una melodia, e la melodia è l'anima della musica».