L’acqua è un bene primario di fondamentale importanza. Senz’acqua non può esistere vita. Se i nostri nonni dovevano recarsi al pozzo o alla fonte più vicina per raccoglierla, oggi addirittura si spreca: basta aprire un rubinetto ed è a portata di mano. Un tempo, non si sapeva manco cosa fosse la durezza dell’acqua, ossia il misurare il livello di sali minerali e altre sostanze presenti, le quali formano il calcare (e causano la rottura della lavatrice, la patina bianca sul vetro della doccia, ecc…). Bere e lavarsi con acqua piena di calcare e altre sostanze nocive non è proprio il massimo, ecco perché sono nati gli addolcitori per l’acqua. Possono essere degli impianti fissi, oppure dei dispositivi come le caraffe filtranti. Chi ha delle patologie particolari, deve seguire una dieta specifica e controllare la durezza dell’acqua con i filtri depuratori è una grande comodità. Il rovescio della medaglia è il trascurare il filtro depuratore, tanto da rendere vano l’acquisto fatto. Qui di seguito, alcuni consigli per allungare la vita al proprio addolcitore per l’acqua, evitando rischi per la propria salute.


Perché sostituire il filtro dell’addolcitore acqua.



I filtri addolcitori acqua non sono eterni e dopo un uso costante, bisogna per forza sostituirli. CI sono degli strumenti che aiutano questa operazione, per esempio, nelle caraffe filtranti di ultima generazione è presente un termometro dove si può vedere il livello di funzionamento dell’addolcitore, nello specifico, se la cartuccia è ancora funzionante o meno. Nel caso di cartucce per caraffe filtranti, la durata varia dai 20 giorni a un mese e 10 giorni dalla comparsa dell’avviso sul display, mentre negli impianti fissi di depurazione, la scadenza è varia. In genere, la scadenza di una cartuccia filtro addolcitore si nota da certi segnali premonitori. Se l’acqua ha un sapore strano, si depositano sedimenti e si nota che il bucato è ruvido o non è pulito nonostante il lavaggio in lavatrice (le quantità di prodotto detergente da usare si differenziano dal tipo di acqua), allora è consigliabile cambiare il filtro seguendo le procedure idonee al tipo di addolcitore in possesso.