Cardinale Tarcisio Bertone: "Durante il giudizio finale spero di essere sostenuto nel rispondere alle impegnative domande del Signore, quando lui vorrà, da quanti ho potuto aiutare, e da quanti ancora adesso posso aiutare."

Il Cardinale Bertone ha in mano una lunga lista che incomincia a leggere dicendo che non è del tutto esaustiva: "Ho distribuito aiuti agli studenti bisognosi provenienti da diverse parti del mondo; dell'Università salesiana, ma non solo per non preferire quell'università rispetto ad altre, in quanto io sono salesiano. Un padre dello Sri Lanka mi ha chiesto di aiutarlo per gli studi di medicina della figlia. Ho contribuito per gli studi di una religiosa della diocesi di Isiolo in Kenya. Il primo Vescovo di quella diocesi, Mons. Luigi Locati, morto assassinato, proveniva dal clero di Vercelli ed io ero stato a Isiolo per la sua ordinazione episcopale e per l'inaugurazione della Cattedrale. Un sacerdote congolese mi ha chiesto i soldi per recarsi in patria per le esequie del padre. Ad uno studente ugualmente congolese ho pagato il corso per diventare operatore sanitario. Un grosso contributo l'ho elargito all'Arcidiocesi di Genova per i gravi danni causati dall'alluvione, e alle famiglie della mia diocesi di origine di Ivrea colpite dalla crisi occupazionale. Lo stesso per famiglie di Roma e di altri luoghi delle quali venivo a sapere la difficile situazione economica. Una comunità di suore a Roma ha avuto l'Asilo alluvionato e mi sono fatto presente con un aiuto. Le Figlie della Carità di Roma da anni ricevono un sostegno per il loro "mini progetto bimbi con mamme sole", l'Istituto di Medicina Solidale, servizio rivolto alle fasce sociali più disagiate della periferia romana di Tor Bella Monaca, ha avuto un certo contributo.
Questo per parlare dei luoghi a noi più vicini in Italia. Ma la parte più abbondante è andata alle missioni disagiate nel mondo. Ho qui una lista di contributi dati, per esempio, per l'acquisto di due mucche e il loro trasporto fino alla missione di Kazembe nello Zambia, per assicurare il latte ai bambini; per l'acquisto di attrezzature per una scuola di bambine in situazioni a rischio tenuta dalla suore salesiane a Fortin Mercedes, in Argentina; per borse di studio per i bambini delle scuole delle Cappuccine della Madre del Divino Pastore in Nicaragua, Colombia, Guatemala e Spagna; per le famiglie di Cambray in Guatemala colpite dal disastro di una frana; per le diocesi cubane colpite dall'uragano; per la popolazione di Haiti, nel 2010; per il Centro ragazzi di strada di Addis Abeba; per un missionario salesiano che si occupa di profughi del Sudan; per la missione salesiana a El Obeid, sempre in Sudan. Scrive il missionario "Ho ricevuto quest'oggi la grossa sorpresa del suo straordinario dono ai nostri ragazzi del Darfur che quest'anno sono 418..."; per la costruzione di una chiesa a Sironj nel cuore dell'India, annessa ad una scuola frequentata da ragazzi e ragazze indu e musulmani oltre che dai pochi cristiani. Questa chiesa è stata inaugurata di recente; per la collocazione di un organo nella Cattedrale di Huancavelica in Perù; per il Seminario di Maceiò in Brasile. Appena mi è arrivato un assegno l'ho girato immediatamente al missionario che mi aveva chiesto aiuto per gli arredi destinati al Santuario della Consolata a Mukululu in Kenya. Così risponde: "Sappia quindi che la Via Crucis, l'immagine della Consolata e del nostro Fondatore Beato Allemano in ceramica e in più, i vasi sacri con gli oggetti che abbelliscono l'altare sono una silenziosa testimonianza di lei"; per l'ospedale di Tonj, Sud Sudan. I salesiani che l'hanno costruito mi scrivono: "L'entusiasmo è alle stelle, le difficoltà non mancano, ma siamo certi che con l'aiuto della Provvidenza e la preghiera tutto si supera e i poveri di Tonj avranno finalmente questo ospedale"; per la realizzazione di una Cappella nel Vicariato Apostolico di Pucallpa in Perù". Ero andato io stesso in Perù ad ordinare Vescovo il loro pastore, il salesiano Monsignor Gaetano Galbusera".

Qui Bertone si lascia andare ai ricordi: "In Perù ero stato anche per portare gli aiuti del Papa dopo il terribile terremoto del 2007. Cosa che ho fatto anche in Cile dopo il sisma del 2010. Ricordo che la prima impressione, veramente toccante, l'ho avuta scendendo con l'aereo e vedendo il ponte crollato, rimasto interrotto a causa del terremoto, per cui la difficoltà delle comunicazioni, le strade dissestate. Nella capitale le costruzioni antisismiche avevano tenuto, anche quelle dei salesiani, mentre a Concepción e dintorni i danni erano evidenti e molto gravi, soprattutto per la distruzione delle case, di parte degli impianti di fabbriche con il conseguente blocco della produzione. Mi sono poi recato in una zona duramente colpita, ancora piena di macerie come Talcahuano, dove abbiamo inaugurato una cappella in segno della volontà di ricostruzione. Lì c'è una popolazione molto povera e provata, che chiedeva l'aiuto della preghiera e manifestava il suo affetto al Papa. Ho inaugurato direi con orgoglio la cappella perché voleva un luogo di preghiera, un luogo di incontro come una delle prime realizzazioni, dopo le distruzioni del terremoto".
Il Cardinale Tarcisio Bertone riprende in mano l'elenco. "Ho dato contributi per la costruzione della Canonica della Parrocchia di Pidvinogradiv in Ucraina; per la costruzione di un monastero delle suore Clarisse a Ambanja in Madagascar; per la promozione della catechesi e in aiuto al Seminario Maggiore del Vicariato Apostolico di Mendez in Ecuador; per i lavori di ristrutturazione della Chiesa di Prosti in Bielorussia. Inoltre ho provveduto a una donazione in favore della Conferenza dei Vescovi Cattolici di Cuba per riparare ai danni e alle distruzioni causati dall'uragano nel 2008". Cuba è il paese visitato per ben cinque volte dal Cardinale Bertone.
E la lista continua: "ho contribuito per sostenere un progetto formativo per educatori alla sessualità, all'affettività, alla procreazione responsabile e alla regolazione naturale della fertilità, in Albania; per l'acquisto di alimenti per la "Città dei Giovani" a Buterere Bujumbura in Burundi; per la formazione umana e sociale della donna in ambiente altamente disagiato, denominato Progetto La Cal - Nicaragua; per le opere di evangelizzazione, sociali, educative, sanitarie e alimentari di una comunità di suore in Mozambico. Un contributo cospicuo è stato dato per l'ampliamento dell'ospedale italiano di Karak, nel deserto di Moab in Giordania gestito dalle Suore Comboniane. L'ospedale è l'unica opera cristiana nel Sud del Paese e continua ad essere un punto di riferimento per i poveri e gli immigrati che non hanno alcune assistenza, con progetti per i rifugiati irakeni e i poveri giordani. Premetto che nel 2010 sono intervenuto presso un imprenditore italiano per far avere all'ospedale una TAC Siemens Emotion 6. Altri contributi sono stati destinati al Santuario "Menino Jesus" nella Diocesi di Coroatà in Brasile per alcune opere sociali (Radio diocesana, Asilo infantile, scuola di informatica); per la realizzazione di una casa per sacerdoti anziani non autosufficienti nei pressi di Roma; per l'acquisto di una Toyota Hilux per la missione di Mahavatse, Tulear in Madagascar; per la costruzione di un locale per incontro delle comunità di Taganrog e Avoz, di una diocesi vicino a Mosca. Senza tralasciare il contributo dato per i profughi del conflitto siriano".

Durante il giudizio finale spero di essere sostenuto nel rispondere alle impegnative domande del Signore, quando lui vorrà, da quanti ho potuto aiutare, e da quanti ancora adesso posso aiutare. Spero anche di incontrare al giudizio finale quelli che mi hanno criticato e anche sbeffeggiato in pubblico con ironia, facendomi del male".
Fonte: Il Cittadino di Genova