Provata grazie all’innovativo Protocollo di Test Rinnovabili.it – CNR ITAE, la Mercedes classe B elettrica. L’e-car dimostra come sia possibile unire risparmio ed attenzione all’ambiente a comfort e piacere di guida

Nuova prova del fuoco per l’e-mobility nell’ambito del protocollo di test auto elettriche messo a punto da Rinnovabili.it, il quotidiano sulla sostenibilità ambientale, in collaborazione con due partner prestigiosi, ITAE CNR e ACI VALLELUNGA. Questa volta a finire sotto i raggi x è stata la Mercedes classe B elettrica, la versione “elecrtic drive”del celebre modello tedesco.
Tra le vetture ZEV testate da Rinnovabili.it, la Classe B è quella che si presenta con l’abito più normale e discreto. Al punto che niente suggerisce che si tratti di un’elettrica, anzi è identica agli analoghi modelli benzina e diesel. La differenza si avverte però appena ci si muove: la Classe B elettrica parte a fionda e vola come un razzo, grazie al motore che eroga ben 132 kW (al cambio attuale, come dire 180 CV) e che, come tutti gli elettrici, mette subito sul piatto la poderosa coppia di 340 Nm, che nelle partenze da fermo significa arrivare a 100 orari in meno di 8 secondi.
Prestazioni al top, dunque, rese possibili dal pacco batterie agli ioni di litio (realizzato in collaborazione con Tesla, brand che nel settore elettrico vanta un’esperienza che in pochi possono esibire) studiato per occupare il minor spazio possibile: sin dall’origine della progettazione della Classe B era prevista l’installazione tra asse anteriore e posteriore delle batterie, una lungimiranza che ora si traduce nella conservazione degli ingombri standard (lunghezza 436 cm – larghezza 156 – altezza 179 – passo 270), nell’abitabilità per 5 passeggeri e capacità di carico dei bagagli per un volume iniziale di 501 litri, valore che sale in maniera progressiva rinunciando ai tre posti posteriori per toccare i 1.456 litri di carico utile.
L’elettronica è molto sofisticata: la centralina può essere settata in tre diverse modalità (Economy, Economy Plus e Sport) conferendo all’auto potenze diverse e quindi diversi range di autonomia. Le sospensioni sono ottimamente tarate ed i valori di forza G fatti registrare sull’auto in situazioni di pericolo e di guida sportiva sono perfettamente in linea con le vetture convenzionali a parità di segmento. Molto all’avanguardia rispetto allo stato dell’arte anche la modalità di recupero dell’energia, che avviene in modalità manuale o in modalità automatica.

Per scoprire i risultati del test: Rinnovabili.it


I test di Rinnovabili.it sono stati articolati su una serie di prove per poterne valutare le prestazioni e la dinamica (e quindi la guidabilità) del veicolo, tenendo presente la diversa architettura di costruzione e la diversa distribuzione dei pesi rispetto ad una autovettura convenzionale con motore a combustione interna.
Rinnovabili.it – Il quotidiano web della sostenibilità, dell’efficienza energetica e dell’uso delle fonti rinnovabili. Ogni giorno fornisce un attento servizio informativo dalle più autorevoli fonti nazionali ed internazionali, oltre che commenti e inchieste di grandi firme del giornalismo e del mondo scientifico Italiano. Appena rinnovato nella veste grafica, nei contenuti e nella multimedialità, il quotidiano è suddiviso in 12 sezioni tematiche (Ambiente, Energia, GreenBuilding, SmartCity, Mobilità, Ecodesign, Re-Auto, Innovazione, Cultura, GreenEconomy, Econormativa ed Eventi) oltre a 16 Blog monografici, 3 newsletter settimanali, un periodico quindicinale ed uno mensile.