La regista Mary Lambert sarà ai più conosciuta per via della collaborazione con la pop-star Madonna, per la quale ha realizzato alcuni dei principali video che l'hanno resa celebre (e ricca) in tutto il mondo.
Tuttavia il nome di Mary Lambert richiamerà qualcosa anche agli appassionati di cinema dell'orrore, in particolare a chi ha coltivato questa passione nei primi anni 90.
Mary Lambert è infatti colei che ha curato la regia di due notevoli pellicole a cavallo fra gli anni 80 e 90: Cimitero vivente e Cimitero vivente 2.

Il soggetto di Cimitero vivente è parto della mente di Stephen King, che aveva già pubblicato l'impressionante romanzo "pet semetary".
In cimitero vivente ritroviamo tutte atmosfere e suggestioni tanto care al re del brivido: una cittadina americana tranquilla dove tutti sembrano conoscersi, una leggenda inquietante ai più sconosciuta e degli anziani che vivono in solitudine rimembrando episodi del proprio passato.
Questa è la cornice che fa da sfondo al cimitero degli animali, il vecchio cimitero indiano dove i morti tornano in vita.
Il film cimitero vivente, il primo più del secondo, riesce a ricreare quelle atmosfere che Stephen King aveva sapientemente amalgamato nel suo libro, ed è forse uno degli ultimi horror moderni a colpire e terrorizzare più per la vicenda, la narrazione e il ritmo che non per gli effetti speciali visivi ed acustici.